A cosa serve il clitoride?

Il clitoride è un organo dell’apparato genitale femminile. È come un piccolo pene, situato sulla parte superiore delle due grandi labbra vaginali, sulla parte anteriore alla vulva. È ricoperto da una piccola piega di pelle che lo ricopre chiamata cappuccio (o prepuzio) del clitoride.

Di fatto, nell’embrione il clitoride si sviluppa allo stesso modo del pene maschile. Per questo motivo viene detto pene arcaico.

Poiché responsabile del piacere sessuale e dell’orgasmo femminile, gioca un ruolo fondamentale nel processo di riproduzione.

Quanto può essere grande un clitoride?

Il clitoride è lungo in media da 1 a 3 centimetri, mentre il suo diametro varia dai 3 agli 8 millimetri. Dati scientifici dall’articolo di V. Puppo (2011).

Perché il clitoride è così sensibile?

Il clitoride è inoltre l’organo umano con più terminazioni nervose. Si parla di circa 8000 terminazioni nervose, il doppio rispetto al pene. Per questo motivo stimolazioni eccessive possono provocare fastidio.

Chi ha scoperto il clitoride?

Il primo anatomista a darne una descrizione completa è stato Georg Ludwig Kobelt. Prima di lui un italiano, Realdo Colombo, ne fece uno studio anatomico approfondito e propose di chiamarlo “amore o piacere di Venere”.

Si dice il clitoride o la clitoride?

Entrambe le forme sono corrette. Fonte: Wikipedia.

Il clitoride è l’unico responsabile dell’orgasmo femminile?

Uno studio scientifico condotto dagli studiosi Foldes e Buosson ha dimostrato che non c’è distinzione tra orgasmo vaginale ed orgasmo clitorideo. L’orgasmo femminile è sempre generato da sfregamento diretto o indiretto del clitoride. Lo studio è del 2009 ed è dimostrato una relazione tra la base del clitoride e la parete vaginale anteriore.

Cortometraggio animato che spiega la funzione del clitoride

In questo video animato del 2016 una spiegazione chiara sull’organo femminile per fare finalmente pace ed imparare a conoscerlo meglio. Il cortometraggio animato sul clitoride ha vinto numerosi premi tra cui Best Short Film Award al Festival Vues d’en face 2017 e Best Documentary al Chicago Feminist Film Festival 2017. Ne consigliamo la visione 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.